Crea sito
header
TwitterRssFacebook
Pages Menu

Posted by on Feb 16, 2016 in MOTO |

BARRY SHEENE: IL FILM.

s04

Che quella di Barry Sheene sia stata una vita da film ci sono pochi dubbi, ma la notizia di riscoprire al cinema le gioie, i drammi e le emozioni legate all’epopea del grande pilota inglese è fonte di enorme soddisfazione, per gli appassionati di motociclismo.

s02

Tratta dal libro “Barry: the story of the motorcycling legend Barry Sheene” scritto da Steve Parrish, compagno di squadra in Suzuki e suo grande amico, e dal giornalista Nick Harris (che saranno anche consulenti per la produzione), la sceneggiatura scritta dai noti Ian Le Frenais e Dick Clement (“The Commitmens”, “Across the Universe”) ripercorrerà l’ascesa di Barry Sheene al successo, le rivalità con i giovani emergenti statunitensi, le drammatiche cadute che lo hanno portato vicino alla morte ed i trionfi, che lo hanno reso un mito in patria ed in tutto il mondo.

s08

Ma la sua leggenda è legata anche all’uomo, ribelle e spesso fuori dagli schemi, da giovanissimo “sciupafemmine” ma poi inseparabile compagno della splendida moglie Stephanie, amico di Ringo Starr e George Harrison, istrionico e divertente in pista e con i media ed amato e rispettato dal pubblico e dai piloti, con cui ha condiviso la passione per le moto e la gioia di vivere fino agli ultimi giorni della sua esistenza, conclusasi nel 2003 a causa del cancro: un avversario contro cui, purtroppo, non riuscì ad avere la meglio.

s07

Sheene sarà prodotto da Will Stoppard della inglese Deep Springs Pictures e da Rod Morris della I.O. Films australiana, che hanno affidato a David Whealy il ruolo di produttore esecutivo.
Nessun nome, al momento è stato fatto per la regia e gli attori, però l’operazione non dovrebbe prospettarsi di basso profilo. Le ambizioni, infatti, sono state espresse dallo stesso Rob Morris: “Ero al Tribeca Film Festival, nel marzo 2013, e discutevamo con un mio giovane amico regista sui film che sarebbero stati proiettati in anteprima.

s06

Eravamo entrambi ansiosi di vedere in che modo un regista di Hollywood come Ron Howard avrebbe interpretato una storia essenzialmente europea con il suo Rush. A un certo punto, i miei pensieri hanno iniziato a vagare, ed ho cominciato a dire al mio amico che c’era un altra grande storia a tema motoristico che ancora non era stata raccontata. Il mio amico disse Barry Sheene prima che riuscissi a finire la frase.

s01

Mi stupì del fatto che la stessa idea era venuta ad un ragazzo che aveva solo 9 anni quando Sheene morì, ma lui mi disse – stai scherzando? Tutti gli inglesi lo conoscono! Ancora adesso, se ti ferma la Polizia mentre vai troppo forte in moto, loro ti dicono di sicuro: chi credi di essere, Barry Sheene? Dal quel momento, il film su Sheene era diventata la mia priorità”.

Walter Veltri