Crea sito
header
TwitterRssFacebook
Pages Menu

Posted by on Set 27, 2016 in AUTO |

CIR 2016. IL RALLY ROMA CAPITALE PREMIA SCANDOLA.

Il Rally Roma Capitale non ha tradito le attese degli appassionati. In un contesto magnifico, per una gara sempre più vicina a divenire una classica, il CIR ha offerto due gare combattute ed eccitanti, e l’esito finale ha reso ancora più incerto questo finale di stagione.

Umberto Scandola, Guido Damore (Skoda Fabia R5 #3, Car Racing)

Dal prologo del venerdì alla mattina di sabato, Giandomenico Basso ha cercato di sfruttare “l’inerzia” delle ultime gare, ma Andreucci e Scandola questa volta non si sono lasciati sorprendere.

Giandomenico Basso, Lorenzo Granai (Ford Fiesta R R5 #1, Sc Movisport Srl)

Nel susseguirsi di speciali tortuose e veloci, ogni errore, ogni defaillance si sarebbe materializzata in un grosso macigno sulla strada della vittoria. Il macigno che si è trovato davanti Basso, alla sesta speciale, è stato un guasto che lo a rallentato di circa trenta secondi. Tanto è bastato per rendere i due rivali irraggiungibili.

Paolo Andreucci, Anna Andreussi (Peugeot 208 T16 R R5 #2)

E’ quindi tornato l’implacabile Paolo Andreucci, dimostrando di non aver alcuna intenzione di abdicare. Ci ha provato Umberto Scandola, che sabato ha provato a metter sale sulla coda di Andreucci, e con un finale pirotecnico è arrivato ad un soffio dalla vittoria. Ma era solo l’antipasto.

Umberto Scandola, Guido Damore (Skoda Fabia R5 #3, Car Racing)
Il Rally Roma Capitale ha ripreso in suo cammino nell’assonata domenica mattina della città immortale, rimettendo al centro dell’arena i tre gladiatori. Nelle cinque speciali, è stato il pilota della Skoda a tener banco, vincendo tre speciali e lasciando ad Andreucci e Basso le restati due.

Giandomenico Basso, Lorenzo Granai (Ford Fiesta R R5 #1, Sc Movisport Srl)
Risolti i problemi della sua Ford Fiesta, Giandomenico Basso ha inseguito e raggiunto il secondo posto sul podio, beffando il campione della Peugeot di soli sette centesimi e risorpassandolo in classifica di campionato, anche se per soli 0,75 punti.

Paolo Andreucci, Anna Andreussi (Peugeot 208 T16 R R5 #2)

L’affermazione di Umberto Scandola, che ha conquistato anche la vittoria assoluta del Rally Roma Capitale (un dato ormai ininfluente per il punteggio del campionato) lo riporta vicino ai due “fuggitivi”.

Umberto Scandola, Guido Damore (Skoda Fabia R5 #3, Car Racing)
Infatti, con 6,75 punti di distacco da Basso, il veronese è ampiamente in gioco per il gran finale del Rally Due Valli, che avrà un coefficiente maggiorato di 1,5, per cui i punti conquistati varranno di più, avendo inoltre il conforto del tracciato di casa. Insomma, un gran finale da non perdere.

Walter Veltri