header
TwitterRssFacebook
Pages Menu

Posted by on Lug 19, 2016 in AUTO |

ERC 2016. ALEXEY LUKYANUK LASCIA IL RALLY D’ESTONIA A SIRMACIS.

Ci ha provato Alexey Lukyanuk, eccome se ci ha provato! Il russo, sulla sua Ford Fiesta, ha dato davvero tutto, e probabilmente anche di più, per vincere il Rally d’Estonia, sesto round dell’ERC 2016. Le speciali, che si sviluppavano in circuiti nella zona di Otepaa da ripetersi due volte nel corso delle due giornate, erano quanto di più vicino agli scenari classici del WRC: sterrati velocissimi con brevi “tagli” su asfalto. Un rally difficile, quello estone, in cui era necessario buttarsi a tavoletta guidando puliti e con la massima precisione. Roba da mondiale, appunto.

ES04
Alexey Lukyanuk, dicevo, non si è risparmiato. Veloce e preciso sin dal via, il russo ha dominato la prima giornata, con cinque speciali vinte e tre chiuse in seconda posizione. Il suo problema, però, aveva un nome e cognome: Ralfs Sirmacis. Il giovane debuttante nella categoria R5 e già vincitore del Rally Acropolis ha tenuto testa a Lukyanuk, riuscendo a gestire un distacco “umano” dallo scatenato pilota russo.

ES02

Alla seconda giornata, quindi, la tattica di Alexey Lukyanuk non poteva che essere, quindi, “flat out” fino alla fine. Il russo ha messo in carniere altre quattro speciali, trovandosi a due traguardi dalla fine con un vantaggio di oltre 38 secondi sulla Skoda Fabia del 22enne lettone.
Ma come spesso accade nei rally, ed ancora più spesso a Lukyanuk, la beffa si è materializzata con il podio all’orizzonte.

ES03

Nel corso della 14esima di 15 speciali, l’atterraggio da un salto causa un danno al braccetto di sinistra dello sterzo, e la sua Ford Fiesta, senza controllo, è andata fuoristrada, per fortuna senza rischi per l’equipaggio. Ad Alexey Lukyanuk non è rimasto altro che guardar sfilare la Fabia bianco e verde di Sirmacis ed andare a conquistare il Rally d’Estonia, unico pilota a vincere due round in questa stagione.

ES05

Al secondo posto sale il campione in carica Kajetanowicz, con un distacco abissale. Il polacco, in crisi tecnica fin dalle prime speciali, ha tirato a chiudere la gara, ed ancora una volta gli è andata bene: aumenta ulteriormente il suo vantaggio in classifica su Lukyanuk, pur non avendo vinto ancora neanche un rally in questa stagione.

ES07

A sua volta, il russo vede avvicinarsi l’ombra di Ralfs Sirmacis, un giovane su cui Skoda Motorsport punta con ovvia decisione, ma che è entrato anche nelle attenzioni di qualche team del Mondiale.

ES01

Sorprende ritrovare, sul podio, una vettura di classe E2D. La Mitsubishi Lancer Evo IX del pilota di casa Rainer Aus saluta, con un podio nell’Europeo Rally, una lunga e gloriosa carriera sportiva.

ES06

Nonostante non sia più in produzione, la Lancer rimarra comunque una “belva” ancora ambita nei rally come nelle cronoscalate. Finchè non scadrà la fiche d’omologazione

Walter Veltri